In tempo di Coronavirus. Don Maffeis: la speranza sia un dono condiviso

“Guardiamo alle persone che abbiamo intorno, per porre gesti di attenzione, condivisione e ascolto, per fare quella telefonata al vicino o al parente lontano: facciamo in modo che la speranza sia un dono condiviso”. È questo l’invito di don Ivan Maffeis, sottosegretario e portavoce della Cei che, nella nuova puntata della rubrica “Sguardi”, evidenzia anche come “in questo tempo di isolamento e di distanze forzate, stiamo sperimentando forme incredibili di convocazione e di incontro grazie alla televisione, alla radio e alle reti digitali”. ​